Una nota società internazionale, specializzata in ricerca e selezione del personale, sta sperimentando un nuovo approccio per far incontrare domanda e offerta di lavoro.

Con la rivoluzione tecnologica degli ultimi anni, candidati e aziende sono raggiungibili ovunque, in qualsiasi momento e da qualsiasi dispositivo, rendendo a volte l’approccio troppo freddo e impersonale. E’ invece avvertita da ambo le parti l’esigenza di un approccio più diretto e personale.

La società in questione ha pensato quindi a degli speed date, veri e propri appuntamenti tra chi vuole assumere e chi si candida, ma fatti fuori dall’ambiente di lavoro, ad es. in un bar o ristorante: in un giorno prestabilito, candidati e aziende (10/15) si incontrano per colloqui informali (non più di cinque minuti ciascuno) durante un aperitivo o una colazione; ogni candidato ha la possibilità di incontrare più capi del personale, e lo stesso vale per le aziende. Naturalmente, il colloquio effettivo si svolgerà poi in azienda, ma questo “metodo informale”, finalizzato a conoscersi, già sperimentato con successo su piccola scala lo scorso anno, crea più fiducia e rende l’approccio meno impersonale.

In ossequio al motto che si è data la società di recruiting “digitali e umani”.