A Massaro, comune toscano di 20.000 abitanti in provincia di Lucca, l’amministrazione comunale ha emanato un bando riservato a 50 residenti lavoratori che godranno di un contributo al proprio stipendio, in base a quanti Km pedaleranno ogni giorno nel tragitto casa-lavoro. E’ il primo comune in Italia a prendere una simile iniziativa.

Già presenti in altri paesi europei come Francia Belgio Germania. Austria, Olanda, sotto varie forme (rimborsi, detrazioni, agevolazioni fiscali, crediti) gli incentivi al “bike to work” proposti dall’amministrazione di Massarosa, scaturiscono dalla collaborazione con l’associazione Fiab Versilia BiciAmici, che ha messo a disposizione le proprie conoscenze e capacità.

Il progetto, in fase sperimentale a partire dal 2016, intende coinvolgere un campione di 50 lavoratori che registreranno, tramite una specifica applicazione smartphone, i Km pedalati ogni giorno nel tragitto casa-lavoro e viceversa. Il Comune punta così ad una raccolta di dati sufficienti per valutare l’allargamento in futuro di questi incentivi ad una platea sempre più estesa di ciclisti.

In caso di successo ed in presenza di numeri più significativi, dichiara il sindaco di Massarosa, il bike to work alimenterebbe un circolo virtuoso di riduzione dei veicoli in circolazione e di miglioramento delle condizioni ambientali, che sono solo due tra i molti benefici che questo tipo di iniziative originano.