Nel piazzale antistante l’azienda dove transitano mezzi trasporto è installata una piattaforma e il datore di lavoro omette di apporre la segnaletica relativa alla stessa. Un dipendente di un’altra azienda, manovrando nel piazzale con il proprio mezzo, urta la piattaforma e subisce un infortunio.
Il datore è stato ritenuto responsabile dell’accaduto in quanto, precisa la Corte, non rileva il fatto che il lavoratore infortunato sia dipendente di una ditta terza: le norme di sicurezza sul luogo di lavoro non sono rivolte ai soli dipendenti dell’impresa, ma mirano a tutelare tutti i soggetti che si trovino nell’ambiente di lavoro “indipendentemente dall’esistenza di un rapporto di dipendenza con il titolare dell’impresa”. L’omissione nell’apposizione della segnaletica relativa alla piattaforma, è sufficiente a configurare il reato (art. 163 D.Lgs 81/2008) stante il fatto che si è provato il nesso causale tra l’infortunio e la mancata segnalazione.

Sentenza:

Corte di Cassazione – n. 956 del 13 gennaio 2014