Legittimità del rinnovo tacito – conseguenze

È legittima la clausola di tacita rinnovazione “di anno in anno salvo disdetta” del rapporto di agenzia, senza che dalla reiterata rinnovazione del contratto a termine possa trarsi la conseguenza di un unico contratto di agenzia a tempo indeterminato; nell’ipotesi di rinnovo automatico del contratto per mancato invio della disdetta e di successivo recesso ingiustificato “ante tempus” del preponente dal rapporto, l’agente ha diritto non all’indennità sostitutiva del preavviso, ma al risarcimento del danno derivante da detto recesso.
La giurisprudenza è da tempo concorde sul punto, ritenendo che a tale tipo di contratto, avente natura di rapporto di lavoro autonomo, non siano applicabili i limiti ai rinnovi reiterati previsti invece per i rapporti di lavoro subordinato.

Sentenza:

Corte di Cassazione – n. 9777 del 23 aprile 2013